Archive for the ‘iss’ Category

Fighting Review

12 luglio 2012

Dopo qualche classico imbambolamento iniziale, le reazioni contro l’ennesimo decreto che ammazza dipendenti pubblici, precari e non, e blocca la ricerca pubblica, cominciano a proliferare.

I sindacati

Usb ha manifestato il 6 a piazzetta Vidoni.

La Cisl nazionale si è subito tirata indietro, ma la Federazione che si occupa di ricerca ha fatto un comunicato abbastanza netto: eccolo.

Uil e Cgil hanno subito annunciato mobilitazione e sciopero (ovviamente a settembre, quando il decreto sarà già diventato legge…).

Oggi 12 luglio si è svolto un presidio unitario di Flc Cgil, Fir Cisl e Uil Rua davanti al Miur.

La prossima settimana è prevista un’assemblea di tutti gli enti di ricerca all’Iss per il 24 e un presidio a palazzo Vidoni per il 19.

Link:

La convocazione del presidio unitario al Miur del 12  luglio | Comunicato della Flc Cgil: licenziati i precari della conoscenza | Usi Ricerca: la ricetta di Profumo per la ricerca pubblica | Anpri: l’ultima newsletter | Comunicato della Uil Rua sull’Isfol | Comunicato nazionale Uil Rua: “un governo di pinocchi” | Assemblea all’Istat il 13 luglio: spending review, saldi d’estate sulla ricerca pubblica | Inran: occupato l’Istituto | Inran: prosegue la protesta | Inran: il ministro Catania chiama i sindacati | Le iniziative e le proposte di piattaforma della Flc Cgil | LaborTv: il segretario Fir Cisl e una ricercatrice precaria dell’Inea

I presidenti degli enti di ricerca

Bignami (Inaf), Ferroni (Infn) e Nicolais (Cnr) | Garaci (Iss) | Giovannini (Istat)

Altri

Pier Luigi Canonico (SIF) | Giorgio Napolitano (presidente della repubblica) | Infn, dopo il bosone i tagli (ANSA) | Adiconsum contro la soppressione dell’Inran |

Altre agenzie:

(more…)

Annunci

Dov’eravamo rimasti?

28 giugno 2012

Approfittiamo del caldo estivo per ricapitolare le cose, visto che questo blog non lo aggiorniamo da parecchio.
E proviamo a essere sintetici. Cos’è successo negli ultimi mesi? Nulla. Visto che il governo Monti ha deciso di lasciare bloccate carriere, stipendi, assunzioni, ecc.

Nelle università si è fatto un gran parlare di merito, come sempre. Poi sono arrivate le “abilitazioni” per associati e ordinari. Sono poche, pochissime, e saranno l’unica possibilità anche per i ricercatori precari.

Per gli enti di ricerca, accantonata per un attimo la valutazione della performance di Brunetta, siamo arrivati a questo torrido fine giugno e ancora il governo deve firmare i DPCM autorizzativi del 2009! Sì del 2009!

turnover  dopo, ridotti al 20%, evidentemente se li stanno tenendo stretti, per risparmiare alcune centinaia di LIRE con cui sedersi al tavolo dell’Europa a portafoglio pieno.

Come reagiscono i precari? Apparentemente con poca o nulla mobilitazione, molta rassegnazione. Qualche segnale qua e là, ma niente di più. I precari dell’Istat si sono fatti sentire nel loro ente, i precari dell’Ingv se la sono dovuta vedere non solo col terremoto in Emilia, ma anche con le “polemiche” su e di Sonia Topazio, i precari dell’Iss hanno scritto a Napolitano.

La Cgil ha deciso di fare lo sciopero generale contro il DDL Fornero, ma poi non lo ha fatto. Nel frattempo ha scioperato a livello territoriale e manifestato unitariamente contro il fisco.

I sindacati di base hanno scioperato venerdì scorso contro la riforma del lavoro e “contro le tasse”, 22 giugno, ma a risentirne sono stati quasi solo i trasporti di Roma, visto che la Metro era chiusa per sciopero.

I “movimenti” hanno indetto una “tre giorni” a metà giugno, con qualche centinaia di partecipanti, sempre contro il DDL Fornero.

Qui aspettiamo che rinfreschi.

Contro la manovra subito

26 maggio 2010

Le prime reazioni alla manovra di Tremonti non si sono fatte attendere:

– da lunedì l’Isfol è occupato dai lavoratori che sono anche saliti sul tetto, appoggiati da Usi/RdB, Flc Cgil Uil Pa-Ur e Anpri (assente la Cisl)

– sono in agitazione anche i lavoratori degli altri enti in via di possibile chiusura: l’Isae, l’Ias, l’Ice, l’Ispesl e l’Eim

– sono in mobilitazione anche l’Iss, l’Enea e l’Ingv

– venerdì è previsto un presidio dei lavoratori dell’Ispra

– per oggi (mercoledì 26) dalle 18 la Flc Cgil ha indetto una prima manifestazione dei lavoratori della ricerca sotto il ministero dell’economia in via XX settembre. La Cgil ha annunciato inoltre una conferenza stampa di Epifani per oggi pomeriggio e si annunciano nuove iniziative.

– in difesa dell’Isae è intervenuto lo stesso presidente Majocchi

– il neosindacato di base, Usb, aveva già in programma una serie di iniziative contro la crisi, che risultano quindi quanto mai azzeccate: dalla mobilitazione di venerdì 28, fino allo sciopero del pubblico impiego del 14 giugno

Su FacebookIsfol occupatoNo alla soppressione dell’Ice

La fine è Nota

22 dicembre 2009

Senza parere, il signor Naddeo, prima di partire per il cenone di Natale, ha emanato ieri (21 dicembre 2009) una simpatica nota-parere di risposta ad alcune amministrazioni pubbliche sulle stabilizzazioni negli enti.

Tra gli enti che hanno richiesto il “parere” c’è anche l’Istituto Superiore di Sanità, ente pubblico di ricerca.

In questa nota (Parere UPPA 05/09) Antonio Naddeo, Capo Dipartimento della Funzione Pubblica, tanto per non farsi sfuggire niente, incomincia richiamando “i principi e le linee di indirizzo dettate con” la Direttiva n. 7/07 e la Circolare 5/08.

Poi precisa che “come noto” […] “la normativa in materia di stabilizzazione ha destinato risorse finanziarie per detta procedura speciale di reclutamento soltanto fino all’anno 2009” (il neretto è mio).

Pur potendo infatti gli enti assumere “a tempo indeterminato coloro che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2009” […] “a decorrere dal 1° gennaio 2010, le procedure speciali di reclutamento” (le stabilizzazioni) “non sono più consentite“.

(more…)

Chi cerca la ricerca trova i precari

4 ottobre 2009

Nonostante il “silenzio” di questi mesi i precari della ricerca non sono scomparsi, non sono stati né “stabilizzati” (se non in piccola parte) né licenziati (salvo anche qui alcuni casi significativi, come all’ISPRA).

Lunedì 5 ottobre all’Istituto Superiore di Sanità di Roma, il sindacato Usi/Rdb del settore organizza un’assemblea dei precari della ricerca. Tra le altre cose verrà presentato e proiettato il video “chi cerca la ricerca”, che fa un giro tra i vari enti intervistando i lavoratori.

Le prossime iniziative

26 novembre 2008

Segnaliamo alcune delle iniziative dei prossimi giorni:

– giovedì 27 novembre dalle 10 all’Istituto Superiore di Sanità di Roma: “Entriamo nel merito“, organizzato dalla Flc Cgil

– giovedì 27 novembre dalle 15.30 alle 18.30 all’Università “La Sapienza” di Roma, presentazione del libro “Salute e ambiente”, di Laura Corradi, aula Amaldi di Fisica Vecchia

– venerdì 28 novembre, la mattina manifestazioni studentesche in tutte le città d’Italia

– venerdì 28 novembre, dalle 20 alle 2 all’università di Urbino: “Notte anomala

– sabato 29 novembre, dalle 10 alle 14: “Dove sta la scuola pubblica?“, manifestazione a Roma della scuola

– lunedì 1 dicembre ore 17 a Napoli dibattito con Giulio Palermo, organizzato dalla Rete di dottorandi e ricercatori precari e dal Collettivo Autonomo Universitario, Aula Magna Matteo Ripa – Palazzo Giusso
(Università Orientale, largo San Giovanni Maggiore Pignatelli)

Venerdì sciopero e corteo: il 14 si avvicina

12 novembre 2008

Mancano ormai solo due giorni allo sciopero di ricerca e università e (quindi) ai DUE cortei che partiranno a Roma. Uno organizzato dai sindacati confederali, che parte da Bocca della Verità (Metro Circo Massimo) e arriva a Piazza Navona, l’altro dall’università La Sapienza, organizzato dal movimento studentesco, che arriverà al centro della città. I precari possono partecipare all’uno, all’altro, o a tutt’e due, grazie alla loro flessibilità.
Intanto proseguono le iniziative, dalla notte bianca all’Istituto Superiore di Sanità di Roma alla notte blu all’università del Sannio di Benevento o la Maratona Didattica organizzata dalle facoltà di sociologia e scienza delle comunicazioni di Roma.

Il presidio dei precari dell’Ispra e le prossime iniziative

6 novembre 2008

Oggi si è tenuto, come previsto, il presidio dei precari dell’Ispra, minacciati dal loro commissario di essere mandati a casa ancor prima dell’approvazione dell’emerdamento (art. 37 bis del DDL 1441 quater, attualmente in discussione al Senato).

Intanto il presidio davanti all’Istituto Superiore di Sanità è stato rinviato a domani, venerdì 7 novembre, alla stessa ora. Nel contempo sfileranno studenti medi e universitari nel centro di Roma.

Domenica si svolgerà una seconda giornata di incontro tra ricercatori e studenti delle elementari, in difesa della Sapienza.

Di seguito l’ANSA sul presidio di oggi:

(more…)

Prossime iniziative

4 novembre 2008

Attenzione che non s’è fermato niente. Oggi pomeriggio (4) alla Sapienza ci sarà  un’assemblea di precari. Domani Cgil Cisl e Uil convocano la ricerca e l’università davanti al Ministero dalle 10 alle 13 e dopodomani in piazza (ancora) i precari dell’Ispra, ai quali il commissario ha garantito (che buono) il rinnovo fino a natale! il pomeriggio invitano tutti i precari degli enti davanti al Ministero dell’Economia a via XX settembre.

Usi/Rdb (che ha indetto per il prossimo 5 dicembre uno sciopero dei precari degli enti di ricerca) dà invece appuntamento sempre per giovedì 6 novembre davanti all’Istituto Superiore di Sanità, a via Regina Elena, dalle 10 del mattino.

Di seguito il comunicato/volantino dei precari Ispra e quello di Usi/RdB ricerca:

(more…)

29/10: la giornata di oggi

30 ottobre 2008

La giornata inizia con il sottosegretario alla istruzione, università e ricerca, il democristiano Pizza (premiato per una scheda sbagliata) che da buon democristiano invita la Gelmini a dialogare cogli studenti. “E’ stata troppo brusca”, dice. E infatti in aula poco dopo si comincia a votare il “decreto Gelmini” o decreto 137.

(more…)