Archive for the ‘enea’ Category

Licenziati per decreto

2 marzo 2009

Come informa il Sole 24 Ore di ieri (domenica primo marzo), Brunetta, preoccupato di non riuscire ad approvare il suo  famigerato emerdamento, fermo al Senato da ottobre scorso, starebbe preparando un Decreto Legge (addirittura!) per approvare le stesse norme (in quattro e quattr’otto): scadenza di tutti i contratti di precari stabilizzabili il 30 giugno 2009, eliminazione del diritto alla stabilizzazione, trasformato in “riserva” del 40% nei concorsi dei prossimi anni. Visto che c’è, Brunetta vorrebbe inserirci un’ulteriore “stretta” sulle malattie (cosa ci sarà ancora da stringere non si sa).

Nel frattempo qualcuno si sta “salvando”, stabilizzato o assunto prima del naufragio. Dopo le assunzioni di febbraio al Cnr e all’Enea, pare siano in arrivo altri stabilizzati (grazie a un nuovo Dpcm che sarebbe già firmato da Tremonti) per Infn e altri enti. Altri 200 precari già licenziati sono stati invece “riprorogati” al Ministero della Sanità con contratti quinquennali.

Annunci

Ritiro subito!!!

2 ottobre 2008

Una giornata epocale, per molti. Tanti precari della ricerca (e non solo) tutti insieme non si erano mai visti.

Alle 10 la piazza vicino a Palazzo Vidoni è già piena, e alle 11 si fa fatica a starci dentro, continuano ad arrivare nuovi gruppi di lavoratori e si invade Corso Vittorio, gli autobus rallentano, le macchine pure. Una corsia di corso Vittorio è invasa da lavoratori che manifestano, incazzati. Chiedono il ritiro, incitano il ministro a uscire fuori. Il sindacalista si sgola da sopra una macchina.

Dopo un po’ di tempo si ottiene un corteo, fino al Parlamento, impensabile fino a ieri sera. Ed è così che si sistemano gli striscioni e si comincia, piano piano, a incamminarsi verso largo Argentina, poi il Pantheon, quindi piazza Capranica, fino a Montecitorio.

In grande quantità i precari dell’INGV, con parecchi cartelli, magliette e splendide felpe. Ricordano, tra l’altro, come licenziare i precari dell’ente significhi non monitorare più i vulcani (e molti hanno pensato al Vesuvio che inghiottiva Brunetta). Moltissimi anche i precari dell’ISPRA, quasi tutti colla maglietta “precario a spasso”, con la quale hanno girato per il centro negli ultimi giorni manifestando l’opposizione all’emerdamento. Tanti anche quelli dell’Istat, con 4 striscioni diversi e dell’Inran. E ancora precari e lavoratori di ruolo “solidali” dell’Isfol, del Cnr, dell’Enea, dell’Inaf, del Cra, dell’Infn (con un altissimo striscione), dell’Iss… Scarsi, ma presenti, gli universitari. A Montecitorio arrivano pure i lavoratori dell’Ispesl, stamattina in assemblea. Vicino ai precari dell’Ingv, anche un folto gruppo di precari del ministero dell’ambiente.

Il corteo è coloratissimo e rumoroso, un po’ populista, ma del resto è solo un controattacco al populismo di governo. E così molti degli slogan rivolti a Brunetta o a Berlusconi riecheggiano gli attacchi degli ultimi mesi ai dipendenti pubblici: “fannulloni”, “assenteisti”, e così via.  C’è chi parla di 1.000, chi di 3.000, addirittura 5.000. Forse esagerazioni, ma comunque i manifestanti sono tantissimi.

A Montecitorio la piazza è piena e dopo aver urlato per un’ora buona si attende di essere ricevuti da qualcuno. L’incontro verrà accordato solo dopo l’una e mezzo e nel pomeriggio, intanto interviene Damiano (l’ex ministro del lavoro) che dà solidarietà e annuncia che l’emerdamento durante la notte è cambiato un’altra volta (di seguito riportiamo l’Ansa sull’argomento).

I precari tornano a lavorare un po’ rincuorati non tanto dalla notizia, quanto dall’aver partecipato a una bella manifestazione, sotto un piacevole sole, nel centro di Roma.

E l’8 ottobre (mercoledì prossimo) si parla di un altro presidio, stavolta al MIUR (ministero dell’istruzione), insieme alla scuola.

Le foto sul sito della Flc Cgil.

Di seguito l’Ansa sulla nuova modifica all’emerdamento, qui il comunicato della Flc Cgil:

(more…)

ENEA in lotta

19 marzo 2008

“Venerdì 29 febbraio, un colorato e rumoroso serpentone ha percorso tutti i piani del palazzo di Lungotevere Thaon de
Revel per esprimere la protesta dei molti lavoratori umiliati nella loro dignità professionale dalle recenti, disastrose operazioni di “progressione verticale” e per dare voce alle ragioni di un precariato, dimenticato ed emarginato da tutti, che svolge attività fondamentali per l’ente. Il corteo, piano per piano, corridoio per corridoio, ha portato la protesta fino
al cda con l’intenzione di raccogliere porta a porta e consegnare le oltre 500 firme di solidarietà del personale a favore delle istanze di conciliazione avviate anche all’Enea, come negli altri enti del comparto, per il riconoscimento degli assegnisti e dei vari atipici come lavoratori subordinati”
.

I lavoratori, organizzati dal sindacato Usi/Rdb, hanno invaso pacificamente la sala del consiglio d’amministrazione dell’ente. Il 10 marzo successivo si è svolto un incontro fra amministrazione e sindacati, e – secondo Cgil, Cisl e Uil – ne è uscito un piano di assunzioni “soddisfacente: dopo le prime 69 stabilizzazioni (più 6 assunzioni di vincitori di concorso), durante il 2008 saranno assunti, secondo l’amministrazione, 215 persone (101 da stabilizzazioni, 114 da concorsi), anche se ci sono le difficoltà dovute all’approvazione del decreto milleproroghe.

ENEA: precari in mobilitazione

18 gennaio 2008

Oggi 18 gennaio, in concomitanza con lo svolgimento del Consiglio d’Amministrazione dell’ENEA nella sede centrale di Roma, parte lo stato di agitazione dei precari. Usi/Rdb ha infatti convocato un’assemblea, mentre Cgil, Cisl e Uil hanno indetto una protesta all’entrata dell’ente. Ancora infatti è del tutto incerto il futuro dei precari dell’ENEA: stabilizzazioni e concorsi sono al palo, l’amministrazione latita e procede a suo piacimento.

link: la mozione approvata dall’assemblea (in pdf) e le foto.

Di seguito il comunicato dei sindacati confederali del 16/1:

La FLC Cgil, insieme a FIR-CISL, e UIL PA-UR indicono lo stato di mobilitazione in ENEA il 18 gennaio presso la sede centrale in concomitanza con il CdA dell’Ente.

(more…)

Stabilizzazioni quando?

7 gennaio 2008

Nonostante i soldi ci siano gli enti di ricerca stanno ancora tergiversando sulle stabilizzazioni. Il CNR ha predisposto un elenco senza ordine degli “aventi diritto” alla stabilizzazione, ma sono in corso “accertamenti”. All’ENEA ancora non è stata stilata nessuna graduatoria. All’Istat nel frattempo sono entrati i vincitori di concorso (molti dei quali dirigenti) a decorrere dal 1° gennaio.

ENEA: i precari protestano

21 dicembre 2007

Due giornate di proteste all’ENEA. Il 18 e 19 dicembre “irritualmente” i precari dell’ente, appoggiati dal sindacato Usi/Rdb si sono presentati nella stanza del Consiglio d’Amministrazione e al convegno Ecobuilding (alla presenza del ministro Nicolais). Grazie alla protesta, il 18 gennaio – durante la prossima riunione del CdA, si discuterà della situazione del precariato all’ENEA.

link: foto | la poesia consegnata al presidente |

Stabilizzazione: arrivano i fondi

15 novembre 2007

Dopo un anno di circolari, note e pareri, il governo dovrebbe finalmente decretare la ripartizione dei fondi (30 milioni di euro) per la stabilizzazione negli enti di ricerca, assegnati dal comma 520 dell’art. 1 della finanziaria dell’anno scorso.

Secondo voci ed indiscrezioni non confermate più o meno il fondo dovrebbe così ripartirsi:
CNR 6,5 milioni di euro; ISS 6,2; ISTAT 3,7; INFN 2,4; ISPESL 2,2; ENEA 2,0; CRA 1,9; INAF 630mila euro.

ENEA: precari in avanzo

2 agosto 2007

italiaoggi2ago07_cortedeicontienea_titolo.jpgIl primo agosto la Corte dei conti ha pubblicato sul suo sito una relazione sui conti dell’ENEA, l’ente di ricerca per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente. La relazione dà un giudizio sostanzialmente positivo per la gestione (commissariale) dell’ente negli ultimi anni, riferendosi in particolare all’anno 2005. Tra un conto e l’altro c’è anche una tabellina sul personale, da cui si evince che nel 2005 i precari a tempo determinato erano 296. Nessuna traccia, nella relazione, dei numerosissimi assegnisti, co.co.co. e borsisti in forza all’Enea.

Visto che parliamo di conti, segnaliamo che il titolo dell’articolo di Italia oggi che riporta la notizia sulla relazione della Corte è sbagliato. L’avanzo nel bilancio Enea nel 2005 è stato di 112mila euro, non 112 milioni di euro. Con 112 milioni si assumevano probabilmente tutti i precari della ricerca. E ci avanzava pure il tesoretto per un festone.

Enea: comunicato sulla stabilizzazione

4 luglio 2007

Dopo l’Istat e l’Infn anche l’Enea procede per la stabilizzazione. Nella gazzetta ufficiale di ieri (3 luglio) era presente il seguente annuncio:
 Si comunica che l’ENEA, in coerenza con le disposizioni dettate dalla legge n. 296/2006 e dalla circolare n. 8/2007 del 18 giugno 2007, della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica, intende avviare le procedure per la stabilizzazione, a domanda, del personale non dirigenziale in possesso dei requisiti prescritti dal comma 19 della citata legge n. 296/2006.
Le persone interessate alle procedure di stabilizzazione dovranno inviare la relativa domanda all’Enea – Direzione Centrale Risorse Umane – Lungotevere Thaon di Revel, 76 – 00196 Roma, entro il termine del 13 luglio 2007, secondo le indicazioni dettate dalla circolare ENEA disponibile sul sito web http://www.enea.it

Attenzione: anche qui, come all’INFN, il termine è il 13 luglio: vicinissimo.

Vai alla pagina del sito dell’ENEA sulla stabilizzazione –> Stabilizzazione precari

Tavoli e proroghe

16 Mag 2007

All’Apat e all’Enea sono stati aperti in questi giorni tavoli interni sul precariato. Ce ne informano i comunicati sindacali di Usi/Rdb della ricerca, che riportiamo di seguito.

In sostanza dovrebbero essere rinnovati e prorogati tutti i contratti, come prevede la direttiva del 30 aprile. E’ già qualcosa.

(more…)