Archive for the ‘bologna’ Category

Occupazioni in tutta Italia

18 maggio 2010

da lastampa.it

torino

ANSA

ANSA–> Trieste

ANSA–> Bologna

ASCA

blitzquotidiano

ustation

Lastampa.it

Ilgiorno.it–> Milano

Repubblica.it

Repubblica. it–> Tor Vergata

Repubblica.it–> Firenze

unita.it

cittadigenova.com

06blog

corriere.it–> Lecce

barilive

leggo.it

29/10: la giornata di oggi

30 ottobre 2008

La giornata inizia con il sottosegretario alla istruzione, università e ricerca, il democristiano Pizza (premiato per una scheda sbagliata) che da buon democristiano invita la Gelmini a dialogare cogli studenti. “E’ stata troppo brusca”, dice. E infatti in aula poco dopo si comincia a votare il “decreto Gelmini” o decreto 137.

(more…)

I baroni rampanti

28 ottobre 2008

Una delle cose più ridicole di come stampa e tv stanno trattando il movimento che percorre le università in queste settimane è l’accusa dei giornalisti agli studenti di voler “conservare” il dominio dei baroni.

Il dominio dei baroni una volta era denunciato dagli studenti, ora è evidentemente patrimonio comune. Ma pur essendolo (e da tempo), invece di contrastarlo, la politica dei governi degli ultimi anni ha preferito tagliare i finanziamenti e precarizzare il lavoro. E forse la legge 133 o il decreto 137 o qualsivoglia atto del governo attuale torcono un capello anche a un solo barone? La risposta è no.

Gli studenti sono contro quei professori (e rettori) che fanno finta di appoggiare la protesta per poter mantenere i propri diritti feudali. Il movimento ha avuto forse proprio il suo atto di nascita giovedì 16 all’università “La Sapienza”, quando gli studenti hanno potuto vedere ed ascoltare direttamente il paraculissimo ex sindacalista Cisl e neorettore Frati appoggiare gli studenti, per rifiutare il blocco della didattica.

E (altro esempio) in questo video (parte 1 e parte 2) si vede un altro esperto di paraculismo: il rettore Calzolari, dell’Università di Bologna, che parla agli studenti, con una risposta chiara e ineludibile.

Gli studenti non sono a fianco dei professori baroni, ma dei ricercatori e docenti precari che affollano le università: chi glielo dice ai sessantottini che infestano governi, opposizioni, tg e carta stampata?


Università e scuola: cortei in tutta Italia

21 ottobre 2008

Gli studenti non mollano, non dicono solo no, ma anche tante altre parole, e continuano a riempire le piazze in tutta Italia, insieme a ricercatori e docenti. Ieri in 15mila a Palermo, oggi 40mila a Firenze, oltre 1000 a Napoli.

Oggi, a Bologna gli studenti hanno occupato il rettorato e ripetuto la performance dell’altro giorno dei loro colleghi romani, occupando i binari alla stazione.

A Milano un’affollatissima assemblea si è trasformata anche lì in corteo, contro il quale la questura ha ordinato cariche mandando sei studenti al pronto soccorso.

Come aveva promesso il rettore Silvestri, Il sito dell’università di Palermo è oscurato, al suo posto c’è solo il comunicato del Senato Accademico dell’Ateneo.

A Roma, infine, un migliaio di studenti ha manifestato davanti al rettorato della Sapienza chiedendo che il senato accademico, riunito oggi, decretasse il blocco della didattica come promesso dal rettore uscente Guarini nei giorni scorsi. Per tutta risposta, il nuovo rettore Luigi Frati ha chiestodi aprire un canale di dialogo tra università e governo. Guarda caso, è la stessa posizione dell’Aquis, il club dei Rettori delle università con i bilanci in regola, apprezzata anche dal governo: “un contributo interessante”, lo ha giudicato il senatore del PdL Valditara.

Una settimana contro l’emerdamento

13 ottobre 2008

Non si fermano le iniziative contro l’emerdamento. Per martedì 14 Cgil Cisl Uil di università e ricerca hanno indetto un presidio alla Funzione Pubblica a Roma, nel pomeriggio, dalle 14.00. Mercoledì 15 gli stessi sindacati convocano tutti a Montecitorio, la mattina dalle 10.00. Giovedì 16 a Torino è prevista la mobilitazione dei precari. Il 15 e 16 saranno giornate di mobilitazione d’ateneo a Bologna.

Venerdì 17 invece è in programma lo sciopero generale indetto dai sindacati di base (Cobas, RdB/Cub, SdL), in gran parte con rivendicazione del precariato.

Ricerca e università: proteste in tutta Italia

9 ottobre 2008

Enti e università hanno sfilato oggi per il centro di Genova, inducendo Burlando a telefonare a Brunetta, il Cnr della Calabria ha annunciato lo stato di mobilitazione. Un’affollata assemblea all’università di Bologna ha lanciato una mobilitazione per la prossima settimana. A Torino un centinaio di lavoratori ha presidiato la prefettura.

Ieri a Roma è stato occupato il rettorato dell’Università La Sapienza. E a Pisa, oggi, hanno manifestato in 3mila, fra lavoratori di enti di ricerca e università (foto in alta dal sito RicAt).

Di seguito l’ANSA sulla mobilitazione di Pisa:

(more…)

12 dicembre a Bologna: si può stabilizzare l’instabile?

7 dicembre 2007

Il prossimo 12 dicembre (mercoledì) si terrà un’assemblea di precari all’università di Bologna su finanziaria, stabilizzazioni, ricerca. Verrà inoltre presentato il nuovissimo URP. Di seguito il programma della giornata. Il volantino si può scaricare in pdf.

(more…)

A Bologna i ricercatori hanno l’URP

29 novembre 2007

Finalmente un ufficio relazioni con il pubblico per i precari dell’università? Non esattamente, ma forse potrebbe essere anche meglio. I ricercatori precari bolognesi hanno creato infatti un forum, e l’hanno chiamato URP (Ufficio Ricercatori Precari). Potrebbe funzionare per creare relazioni.

Questo è l’indirizzo: URP di Bologna.

Università di Bologna: perché non il 100% di ordinari?

29 ottobre 2007

L’università italiana (e quella di Bologna non fa eccezione) ha una struttura “a clessidra”: negli ultimi anni ordinari e associati in crescita contro pochissimi ricercatori hanno portato all’attuale situazione. L’ateneo bolognese in questi giorni ha stanziato i fondi per i concorsi: il 40% per nuovi ricercatori, il 60% per passaggi di livello (ricercatore–> asssociato, associato–> ordinario). Perché a questo punto non il 100%? Lo chiedono polemicamente i ricercatori precari bolognesi nel comunicato che riportiamo di seguito.

(more…)

Bologna: aggiungi un posto al tavolo

11 luglio 2007

Dopo l’incidente capitato in un laboratorio e il seguente presidio sulla sicurezza, i ricercatori precari di Bologna hanno diffuso oggi un comunicato, che riportiamo in fondo a questo post.

Stasera, sempre a Bologna, si terrà un dibattito sul tema “Università in due parole: precariato e rischi sul lavoro” (leggi l’articolo da “Fatti”, freepress bolognese).

(more…)