È nato un Buco Nero

Ma non è quello che doveva formarsi a Ginevra. Si tratta del sito dei precari dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare nato intorno ad una petizione per un reclutamento “serio e stabile nel tempo” e la cancellazione dei tagli. La petizione e il sito sono disponibili anche in inglese (oh yeah). Per firmare anche tu la petizione del Buco Nero, vai a buconero.eu. Se vuoi solo sapere di che parla, continua a leggere.

In seguito al DDL 1441-quater approvato il 15 ottobre alla Camera e alla legge 133/08, ben 600 ricercatori e tecnici dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare rischiano di dover abbandonare la ricerca. La vicenda riguarda nello specifico 600 precari in un ente con 1800 dipendenti, che in seguito ai provvedimenti approvati dal governo non saranno assunti né ora né nei prossimi anni. Si tratta di una vicenda drammatica che vede porre in pericolo tutta la produzione migliore della nostra ricerca.

L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, tanto per citare alcuni dei progetti ai quali ha collaborato, ha contribuito in maniera sostanziale agli esperimenti e all’acceleratore LHC del CERN di Ginevra, con investimenti per circa un miliardo di euro nell’ultimo decennio. La metà dell’investimento è rientrata in Italia in commesse industriali, favorendo la competitività del settore tecnologico italiano. Centinaia di ricercatori e tecnici precari che stanno contribuendo alla costruzione degli esperimenti rischiano di dover abbandonare la ricerca, impossibilitati a partecipare a concorsi pubblici negli anni passati e in quelli a venire. La crescente fuga dei cervelli verso gli istituti esteri e il danno economico e sociale (centinaia di migliaia di euro sono necessari per la formazione di un ricercatore, ad esempio) condanneranno la ricerca italiana a un lento ma inesorabile declino.

Per questo motivo chiediamo procedure di reclutamento serie e stabili nel tempo, una gestione dell’organico degli Enti commensurata alle attivita’ e agli impegni scientifici intrapresi, all’interno di una politica di finanziamento della ricerca in linea con il resto d’Europa. Nell’immediato, chiediamo di cancellare il taglio del 10% della pianta organica introdotto dalla legge 133/08 e di giudicare realmente nel merito le diverse situazioni dei vari Enti Pubblici di Ricerca.

Firma la petizione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: