Archive for ottobre 2008

Ecco i precari dell’università

31 ottobre 2008

Martedì 4 novembre 2008 alle ore 17,00 alla Facoltà di Lettere dell’università “La Sapienza” di Roma (Aula VI) si svolgerà un incontro di tutti i firmatari dell’appello dei Dottori di Ricerca, Dottorandi, Assegnisti e Docenti a Contratto pubblicato sul sito controlalegge133.splinder.com. Temi in discussione:

1.   Sviluppo della mobilitazione e della protesta dopo il successo ottenuto dall’appello per il ritiro della Legge 133/2008.
2.   Studio di iniziative unitarie e/o coordinate tra Atenei per arrivare ad un coordinamento nazionale della protesta;
3.   Sviluppo di analisi comuni sui problemi dell’Università e della ricerca nel nostro paese;
4.   Partecipazione comune al corteo del 14 novembre 2008;
5.   Dibattito sull’apporto di studenti e docenti alla nostra protesta;
6.   Varie ed eventuali.

Annunci

29/10: la giornata di oggi

30 ottobre 2008

La giornata inizia con il sottosegretario alla istruzione, università e ricerca, il democristiano Pizza (premiato per una scheda sbagliata) che da buon democristiano invita la Gelmini a dialogare cogli studenti. “E’ stata troppo brusca”, dice. E infatti in aula poco dopo si comincia a votare il “decreto Gelmini” o decreto 137.

(more…)

I baroni rampanti

28 ottobre 2008

Una delle cose più ridicole di come stampa e tv stanno trattando il movimento che percorre le università in queste settimane è l’accusa dei giornalisti agli studenti di voler “conservare” il dominio dei baroni.

Il dominio dei baroni una volta era denunciato dagli studenti, ora è evidentemente patrimonio comune. Ma pur essendolo (e da tempo), invece di contrastarlo, la politica dei governi degli ultimi anni ha preferito tagliare i finanziamenti e precarizzare il lavoro. E forse la legge 133 o il decreto 137 o qualsivoglia atto del governo attuale torcono un capello anche a un solo barone? La risposta è no.

Gli studenti sono contro quei professori (e rettori) che fanno finta di appoggiare la protesta per poter mantenere i propri diritti feudali. Il movimento ha avuto forse proprio il suo atto di nascita giovedì 16 all’università “La Sapienza”, quando gli studenti hanno potuto vedere ed ascoltare direttamente il paraculissimo ex sindacalista Cisl e neorettore Frati appoggiare gli studenti, per rifiutare il blocco della didattica.

E (altro esempio) in questo video (parte 1 e parte 2) si vede un altro esperto di paraculismo: il rettore Calzolari, dell’Università di Bologna, che parla agli studenti, con una risposta chiara e ineludibile.

Gli studenti non sono a fianco dei professori baroni, ma dei ricercatori e docenti precari che affollano le università: chi glielo dice ai sessantottini che infestano governi, opposizioni, tg e carta stampata?


Scienze stop

28 ottobre 2008

(AGI) – Roma, 27 ott- Il Consiglio della Facolta’ di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’ Universita’ di Roma ‘La Sapienza’ ha deliberato la sospensione ‘mirata’ delle attivita’ didattiche dal 28 ottobre al 3 novembre per valutare in maniera apoprofondita le conseguenze delle previsioni contenute nella legge 133 che, introducendo tagli alle risorse comporterebbe una “pesante ricaduta” sulle attivita’ di ricerca. Il consiglio ha chiesto al Senato accademico di ratificare questa decisione. E’ quanto si legge in un comunicato, che spiega: Il Consiglio di facolta’ “riunito in seduta il 27 ottobre 2008, ha analizzato la situazione venutasi a creare a seguito delle recenti misure di finanza pubblica relative al Sistema universitario e ha rilevato come – a fronte delle numerose mozioni e prese di posizione approvate dal CUN, dalla CRUI, da diverse Conferenze dei Presidi, dai Senati Accademici e dai Consigli di Amministrazione della maggior parte degli Atenei italiani, non ultimi il Senato Accademico e vari Consigli di Facolta’ della Sapienza – si registri l’assoluta impermeabilita’ dell’Esecutivo alle proposte che sono state avanzate per giungere ad una modifica dei provvedimenti contenuti nella Legge 133/2008”.

(more…)

La protesta di oggi

27 ottobre 2008

Le notizie di agenzia relative alla protesta contro la Gelmini, aggiornate alle 18 di oggi.

(more…)

I precari della ricerca rispondono a Brunetta

26 ottobre 2008

Ispra: gli stabili si trasformano in precari, presidio permanente

24 ottobre 2008

L’altro giorno l’amministrazione dell’Ispra ha mandato una email di convocazione a precari ed ex precari Apat, per dire loro che le graduatorie di stabilizzazione del 2007 sono tutte cancellate.

Ecco così che persino 13 lavoratori già assunti (stabilizzati) tornano ad essere precari. Ed è così che i precari dell’Ispra cominciano un presidio permanente lunedì al ministero dell’ambiente, senza data di fine.

Di seguito il comunicato di Usi/Rdb dell’ente.

(more…)

Le fondazioni di famiglia

24 ottobre 2008

Molte proteste di questi giorni sono dirette contro la possibilità che le università divengano “fondazioni di diritto privato”. Si parla di privatizzazione, ma poi ci si chiede: quale privato si comprerebbe un’azienda inefficiente come “La Sapienza”? Ma a questo risponde la stessa legge, che garantisce che anche le fondazioni di diritto privato manterrano il finanziamento pubblico. E allora, cosa cambierà?

(more…)

La protesta minuto per minuto

24 ottobre 2008

Dato che stare dietro a tutte le notizie sulle proteste dell’università sta diventando difficile, per un po’ pubblicheremo periodicamente i titoli delle notizie di agenzia che riguardano manifestazioni, dichiarazioni, iniziative di questi giorni. Ecco, con un colpo d’occhio, l’immagine di una protesta nazionale aggiornata alle 12 di oggi (vedi sotto).

(more…)

Presidio davanti alla RAI 24/10

23 ottobre 2008

venerdì 24, alle ore 13:00 si svolgerà un sit-in davanti alla sede della RAI di Viale Mazzini 14.

L’iniziativa nasce da un coordinamento dei precari degli enti di ricerca di Roma ed è finalizzata a protestare per il quasi totale oscuramento riservato alle proteste dei ricercatori precari, in queste settimane; il tutto prima che la legge arrivi al Senato per il voto definitivo.
L’orario è legato alla possibilità di avere un riscontro sui telegiornali di quella fascia oraria e far ricevere una delegazione da qualche dirigente Rai.
Per avere più visibilità, all’iniziativa prenderanno parte alcuni esponenti politici, tra cui Rosy Bindi, Marianna Madia e Marco Miccoli. Eventuali altre adesioni verranno date nei prossimi giorni. Si sta anche cercando di avere una copertura sindacale unitaria.

dal blog dei precari dell’Ingv

ApCom