La voce della Casta

di Andrea Capocci

Come documentano siti internet e mailing list, dalle università stanno piovendo mozioni di protesta e convocazioni di assemblee contro i provvedimenti del governo Berlusconi sull’Università. Le assemblee di questi giorni sono motivate da ragioni validissime, ma portate avanti da persone poco credibili: rettori e docenti corresponsabili del disastro universitario quanto i governi.

Non sono infatti credibili quei docenti che protestano contro i tagli e poi, come avviene alla Sapienza, si attribuiscono un gettone di presenza di 500 euro per partecipare a senati accademici o CdA. Né quei rettori di cui ogni anno si parla soprattutto per inchieste sulla corruzione, e oggi lamentano di non poter fare i concorsi che truccavano. Non sono credibili senati accademici che firmano contratti di docenza da 200 euro l’anno e poi si lamentano per il blocco agli scatti stipendiali. Non sono credibili docenti, rettori e ex-ministri che minacciano di dimettersi, e poi cambiano idea. Perché la protesta di questi giorni abbia un senso, dunque, le assemblee dovrebbero partire da un’assunzione di responsabilità da parte di questa “Casta”, con conseguenti dimissioni di chi negli atenei ricopre incarichi direttivi (rettori, cda, senati). Dimissioni vere, non le burlette cui hanno abituato.

Se questo non avverrà – com’è probabile – la protesta continuerà ad avere la voce della Casta, screditata come ogni Casta. Essa squalificherà la protesta agli occhi delle forze vive dell’università e dell’opinione pubblica. Isolerà l’università ancor di più, facilitando l’opera governativa di smantellamento. La isolerà dal mondo della ricerca, dall’Istat al Cnr, che condivide gli stessi problemi e sta organizzando analoghe mobilitazioni. Ma è davvero improbabile che la Casta si dimetta spontaneamente: le forze sane dell’università, come gli studenti e i precari, dovranno pretenderlo a gran voce. Altrimenti, le assemblee dei tromboni saranno l’ennesima perdita di tempo.

Advertisements

8 Risposte to “La voce della Casta”

  1. GIGIO Says:

    ASSOLUTAMENTE CONCORDE.NON CONFONDIAMO I TAGLI AI PRIVILEGI MEDIEVALI DEI BARONI CON I “TAGLI ALLA RICERCA”!!!.
    CHE SI ASSUMANO I RICERCATORI PRECARI…ANCHE A 1000 EURO AL MESE..E SI TAGLI SUI BARONI,BARONETTI E FIGLI COOPTATI!!!
    COSA PRETENDONO ADESSO?CHE I COCOPRO PROSSIMI DISOCCUPATI SI UNISCANO ALLA LORO LOTTA PERCHE’ NON SI TAGLINO LORO GLI SCATTI DI ANZIANITA’???CHE VADANO A FARE IN CULO!!NON SONO QUELLI I TAGLI ALL’UNIVERSITA’!QUELLI SONO PICCOLI PIZZICHI SUI LORO CALLI!!

  2. I panni si lavano in casa? « Rete Nazionale Ricercatori Precari Says:

    […] dimostrare che non difendiamo un privilegio o uno status quo (come scriveva giustamente ieri Andrea Capocci). Sarà che per me così non prestiamo il fianco alle critiche dei giornali: come ha dimostrato […]

  3. cattivo.maestro Says:

    per colpire i baroni e riformare l’università servono reclutamento di giovani ricercatori, lotta al precariato che si trasforma in schiavitù senza dignità, nuove regole e valutazione del merito. Sembra poco, ma Mussi ci è caduto sopra e la Gelmini, come giustamente scrivete sotto, non è un Ministro che ha un peso politico adeguato.
    Intanto vivacchiamo. In attesa di cosa?

  4. cattivo.maestro Says:

    Raramente negli ultimi mesi mi sono trovato d’accordo con opinioni espresse da quotidiani nazionali. Fa eccezione l’interessantissmo editoriale di Ernesto Galli della Loggia, pubblicato dal Corriere della Sera del 22 luglio 2008. Esprimo una perfetta aderenza alle posizioni espresse dall’autorevole commentatore. E’ un bellissimo articolo che sollecita grandi interrogativi e che meriterebbe di essere seguito da una riflessione seria ed adeguata, a cominciare dai Ministri interessati. Trovo che questo sia il modo giusto di ricominciare a ragionare sul futuro del settore della conoscenza e della cultura in Italia. Consiglio vivamente a tutti di leggerlo e di riflettere.
    http://occhichesannoguardare.myblog.it/archive/2008/07/22/la-cultura-come-risorsa.html

  5. sanpolo2035 Says:

    Bravo!
    Il problema e’ esattamente staccarsi dalla protesta della CRUI che verra’ meno appena otterranno due briciole per loro stessi. Non sono credibili. Ma come?
    A mi giudizio l’unico mezzo e’ insieme alla protesta, sensibilizzare gli studenti affinche’ si rifiutino si frequentare lezioni date da professori che – a prescindere dal merito – sono pagati con stipendi da fame e per pochi mesi all’anno. Dovrebbe essere una questione umanitaria e di diritto al reddito.
    Cosi’ si paralizzerebbe l’universita’: non devono essere solo i docenti a contratto a protestare, ma gli studenti stessi rifiutarsi di apprendere qualcosa da una persona sfruttata e deprivata dei suoi elementari diritti.
    Cosi’ si puo’ mettere in moto qualcosa: lasciare alla CRUI le discussioni circa lo scatto biennale e triennale e trovare negli studenti gli alleati per trasformare l’universita’. Iniziando da un innalzamento dei fondi per la ricerca e da una revisione (se non eliminazione) delle docenze a contratto.

  6. http://rivoluzioneitalia.blogspot.com/ Says:

    Quello che dice andrea è giusto e condivisibile…

    Ma questo è il solito punto:
    “[…] le forze sane dell’università, come gli studenti e i precari, dovranno pretenderlo a gran voce […]”

    Non c’è un briciolo di struttura nelle cosidette forze sane…

    le forze sane sostanzialemnte pretendono a gran voce di passare la sponda e diventare strutturati…

    gli studenti gridano: meno tasse per l’università
    i precari: più soldi alla ricerca
    gli strutturati: se la godono alla grande

    l’unica frase da dire è: europa.
    seguiamo le università di: germania, inghilterra, olanda, spagna, svizzera.

  7. Delia Garofano Says:

    La cultura come risorsa:
    una risposta (precaria) a Ernesto Galli della Loggia

    «Servono a qualcosa, al governo Berlusconi, i ministeri dell’Istruzione e della Cultura?».
    Con questa (allarmata) domanda, professor Della Loggia, Lei iniziava il Suo intervento La cultura come risorsa pubblicato dal «Corriere della Sera» dello scorso 22 luglio, poi commentato dal neo-ministro della Cultura Sandro Bondi e del suo corrispettivo-ombra Vincenzo Cerami.
    Ho troppa stima di Lei (e spero anche abbastanza intelligenza) per capire che quel Suo scritto – cautelosissimo e dai toni accorati – doveva avere come fine quello di tentare di risvegliare la classe politica attualmente al governo dell’Italia dalla follia dei tagli omicidi approntati in Finanziaria per la Scuola, l’Università e la Ricerca.
    Ciò che però mi riesce difficile (anzi impossibile) capire del Suo scritto sono – oltre alla scelta del governo come destinatario – i presupposti e i concetti su cui si fonda. Proverò a spiegare perché.
    La Sua domanda «servono a qualcosa, al governo Berlusconi, i ministeri dell’Istruzione e della Cultura?» non è, come Lei paventa, «paradossale», ma – evidentemente – assurda e insieme retorica.
    È assurda perché la cultura – quando c’è, quando vive – non ha bisogno di alcun patrocinio della propria irriducibile necessità. E un Paese che è costretto a porsi una domanda come questa sulle pagine del suo quotidiano più letto sta già fornendo, mi sembra, la più esplicita e inequivocabile delle risposte possibili.
    Ma la Sua domanda è anche retorica, poiché viene rivolta a chi detiene oggi il potere in Italia, come se la necessità – effettivamente contingente nell’Italia di oggi – di domandarsi «la cultura serve?» non affondasse le sue radici proprio nel tenore (nonché nelle intenzioni, dichiarate o taciute) della visione del mondo e delle finalità politiche di chi detiene oggi il potere in Italia.
    Ciò che però trovo francamente offensivo nel Suo intervento è il mondo in cui Lei guarda (o forse vede) il Paese, attribuendone lo sfascio a una presunta, mortale «inerzia» degli Italiani.
    Le chiedo: siamo proprio sicuri che sia una colpa del Paese – e non, come sembra invece evidente, di chi lo ha dissennatamente governato sin qui – se siamo oggi costretti (e ridotti) a porci domande assurde e retoriche?
    Soprattutto, siamo sicuri che il fatto (innegabile) che da quindici anni in Italia non cresca non solo il reddito reale medio, ma qualunque cosa sia viva e pulita sia imputabile a ciò che Lei chiama «il venir meno di un’energia interiore, il perdersi del senso e delle ragioni del nostro stare insieme come Paese, delle speranze che dovrebbero tenere legato il primo alle seconde», e non sia invece l’effetto – calcolato e inevitabile – della grande truffa perpetrata ai danni di questo Paese da chi ha attuato ogni mezzo (lecito ed illecito) perché «l’energia interiore» si spegnesse, «il senso e le ragioni del nostro stare insieme come Paese» si perdessero e ogni speranza morisse assassinata?
    Non so in quale Italia Lei viva, ma è certo un’Italia molto diversa da quella in cui vivo e ho vissuto io. In questi ultimi quindici anni intorno a me (e alle persone come me, che sono milioni) io non ho visto alcun «lento ripiegare su noi stessi», né alcuna «incertezza che ci ha fatto deporre progressivamente ogni ambizione, ogni progetto».
    Ciò che ho visto (e vissuto) io, al contrario, è un impegno senza precedenti – profuso con entusiasmo e coraggio anche e soprattutto dalla mia generazione – che rende oggi intollerabile a tutti coloro che lo hanno profuso (e, ripeto, sono milioni) l’idea che esso si sia rivelato inane perché sistematicamente annientato nei suoi risultati, contro ogni logica e ogni senso di responsabilità, da qualcuno che così ha voluto.
    A differenza di Lei, cioè, io non vedo da quindici anni intorno a me un Paese «inerte», ma – semmai – la parte attiva e «non inerte» di questo Paese sottoposta ad un massacro psicologico (prima e oltre che economico) e a una ghettizzazione – rimozione? – che non ha precedenti nella storia: non di «questa piccola penisola mediterranea» che fu fino a ieri «al centro dell’attenzione del mondo», ma, appunto, in tutta la storia del mondo. Quel mondo – grandissimo – che sta al di fuori di «questa piccola penisola mediterranea» e che, nel frattempo, non si è ostinato a difendere con furore e contro il proprio futuro i privilegi acquisiti (e quasi sempre immeritati, oltre che eccessivi) di una sola parte di sé. Quella di una classe (politica, ma anche generazionale) che, con l’ardire di opporsi nientemeno che alle leggi di natura, si è resa inamovibile e che aspirerebbe ad essere (anzi ormai sembra ritenersi) sempiterna.
    E poi Lei si domanda, caro Professore, come mai siamo un «Paese stagnante» da quindici anni? Provi a rileggere la Sua risposta alla domanda che Lei stesso, non senza una certa arditezza, si pone: forse lo capirà.
    Io, per me, sono una ricercatrice universitaria e da più di dieci anni insegno a scuola e all’Università. Per pure ragioni anagrafiche, che in nessun modo concernono i miei titoli, le mie competenze e il mio impegno, sono, come milioni di persone, una precaria: vuol dire che da più di dieci anni svolgo la mia professione a tutti gli effetti senza nessuna «inerzia», ma socialmente (ed economicamente) non esisto.
    Ciò – tradotto in termini concreti – significa che mi sono stati regolarmente negati non solo tutti i diritti che mi sarebbero spettati in virtù dei miei titoli, delle mie competenze e del mio impegno, ma – in un crescendo che è giunto infine all’epilogo – persino i più elementari diritti di individuo.
    Sono per questo, come tutti coloro che si trovano nelle mie condizioni, un’«inerte»?
    Piuttosto – mi sembra innegabile – sono (purtroppo non sola) la vittima di quindici anni di folle dissennatezza e immorale paralisi governativa, cui ultimamente pare essersi sostituita, con esiti davvero poco incoraggianti, la tendenza attivistica al libero sfascio.
    Alla medesima dissennatezza e «inerzia» va ascritto – è indubitabile – l’increscioso fatto che il mio lavoro (cresciuto negli anni in quantità e quantità) sia stato (quando e se retribuito) economicamente quantificato in maniera a dir poco umiliante.
    È così un dato di fatto che il mio reddito – fattore concorrente a definire la «media» di quello nazionale – sia cresciuto (ammetterà in modo un po’ bizzarro) in senso inversamente proporzionale alla crescita del suo reale coefficiente di produttività.
    Poiché intorno a me ho visto negli ultimi quindici anni un’Italia non solo «non inerte», ma quanto mai attiva – prima con entusiasmo e speranza, ora semplicemente per necessità e per bisogno, talvolta per disperazione -, mi chiedo (e Le chiedo) se non sia lecito pensare che il Paese sia stato frodato negli ultimi quindici anni in modi e misure che non hanno precedenti. E che prima o poi – credo presto – questo Paese presenterà il conto a chi quella truffa ha organizzato e perpetrato, non so se con maggiore follia, corruzione o insipienza.
    «Retorica a parte» recitava il Suo intervento «la destra italiana pensa […] che al suo programma e alla sua identità l’Istruzione e la Cultura possano contribuire in qualche modo o no? Ritiene che Istruzione e Cultura abbiano un qualche rilievo strategico nel futuro del Paese oppure no?». Mi sembra evidente che la scelta di accorpare il Ministero dell’Università e della Ricerca e il Ministero dell’Istruzione, come previsto dall’attuale governo al suo insediamento, sia di per se stessa una risposta eloquente alla domanda. Altrettanto eloquente mi sembra la decisione, presa dall’attuale governo cui Lei rivolge il Suo appello accorato e amletici interrogativi, di assegnare tale Ministero unico a Mariastella Gelmini che, in appena tre mesi, ha legiferato abbastanza da compromettere definitivamente ogni futuro possibile di scuola, Università e Ricerca attraverso il DL 112 del 25/06/08, fintamente ritoccato (dopo l’inevitabili e universa constatazione che si tratta di un intervento omicida e suicida) dall’altrettanto pasticciato provvedimento di conversione AS 949. Della cui legittimità e opportunità «strategica» mi pare accertino la decisione del governo di apporvi la fiducia e di farlo approvare alla chetichella dalla Camera il 24 luglio senza che nessuno dei mezzi di «informazione» si prendesse il disturbo di informarcene.
    I fatti confermano, insomma, il sospetto da Lei avanzato, Professor Della Loggia, che – posta alla guida di settori altrimenti riconosciuti come «strategici», oltre che da tutti i Paesi civili del mondo, dalla semplice evidenza della realtà – il Ministro Gelmini non solo «non sospetti neppure l’ascolto che potrebbe ottenere» parlando alla Nazione di Sapere, Bellezza e Passato, ma, anche volendolo, assai difficilmente potrebbe «mettere il Sapere, il Passato e la Bellezza al centro» di un suo «alto discorso politico rivolto al futuro della collettività nazionale».
    Come vede, caro Professore, la risposta alla domanda che Lei pone non è affatto «difficile». È, anzi, di una rara facilità.
    Non c’è dubbio che, come Lei scrive, «l’inerzia italiana non è nella sostanza economica» e che il Paese sia afflitto dalla paralisi («da anni siamo fermi, non facciamo, non creiamo, non costruiamo nulla d’importante, così come non risolviamo nessuno dei problemi che ci affliggono»). Ma – Le chiedo – non sarà forse che «l’invecchiamento di una popolazione che da anni non cresce» non sia invece l’esito inevitabile dell’«invecchiamento» di chi pretende di governare questo Paese in eterno, occupandone – nonché la stanza dei bottoni – le infinite camerette e camarille?
    «L’inerzia» – per dire altrimenti – non sarà nell’occhio che guarda anziché nella realtà – vivissima ma tragicamente paralizzata – che dinnanzi a quell’occhio appannato si distende così nebulosamente da risultare indecifrabile?
    Io ci sono, Professore, anche se Lei non mi vede. Ci sono e ci sono sempre stata in tutti questi ultimi quindici anni: attivissima, e viva più che mai, Le assicuro.
    C’ero, in questi quindici anni, a fare ricerca e a lavorare senza alcuna «inerzia» benché pagata con «borse di studio» che non mi bastavano nemmeno, nonché a fare ricerca, a vivere.
    C’ero e ci sono anche adesso, seppure – a riconoscimento di quindici anni di lavoro – non bastasse il precariato subìto, mi si condanni a un «precariato a vita».
    C’ero e ci sono ancora, come c’erano (e spero ancora ci siano) tutti coloro che ogni mattina – sfidando riforme su riforme della Scuola, dell’Università e della Ricerca schizofreniche, ma comunque dannose e coerenti nei tagli sempre più drastici – si sono fatti carico di non far morire, nonostante tutto, il Passato, il Sapere, la Bellezza.
    Nonostante tutto – nonostante Voi? – noi non siamo morti, per fortuna.
    Ecco perché non c’è alcun bisogno di crearci oggi, come sembrerebbe Sua intenzione, in laboratorio (ne resterà in piedi qualcuno, magari anche libero dai potentati?), né di produrci oggi (frettolosamente e magari in serie) ripescando qualche incalco nel frattempo mandato in rovina per incuria, in una tardiva resipiscenza vitalistica persino più forte dell’irrinunciabilità dei Vostri privilegi. Né di riesumarci da un’«inerzia» nella quale noi – noi no – non siamo mai caduti.
    In tutti questi ultimi quindici anni, in cui Lei si è visto circondato solo da «inerzia», intorno a me c’erano milioni e milioni di Italiani, che – anche se per professione non si occupano di mantenere vivi il Passato, il Sapere, la Bellezza – sono tutto fuorché «inerti».
    Noi c’eravamo e ci siamo, Professor Della Loggia. Voi – piuttosto – dove eravate? Ci siete?
    È indubbio, come Lei scrive, che «il Paese non ha più né un baricentro né una meta. Ed è la sensazione che nel frattempo le differenze sociali, culturali e quindi geografiche tra le varie parti della penisola si stanno approfondendo; che tutti i legami vanno allentandosi: tra le persone come all’interno delle famiglie e con le istituzioni. È la percezione impalpabile che ci stiamo allontanando pian piano dal centro della corrente: come se la storia contrastata ma viva, fertile e felice, della Prima Repubblica fosse giunta al capolinea, e non riuscisse a cominciarne nessun’altra». Però io credo che al verbo «riuscire» si debba sostituire nel Suo discorso il verbo «volere».
    È indubbio, come Lei scrive, che a un Paese così (ridotto) «è necessaria una scossa» per «riprendere il filo della sua vicenda in quanto nazione, riscoprire il senso e le molte vocazioni della sua identità, riacquistare in questo modo fiducia in se stessa». Ma – appunto – è altrettanto indubbio che questo Paese è paralizzato da quindici anni da una politica che profonde ogni propria energia ad impedire questa «scossa». E ciò non, come suppone Lei, per «una singolare timidezza/indifferenza a muoversi sul terreno delle questioni ideali», dato che – per muoversi nelle questioni non-ideali – non mostra timidezza/indifferenza alcuna.
    In questi quindici anni io c’ero, Professore. E intorno a me non ho visto alcuna «inerzia», ma soltanto milioni di persone (un «Paese», appunto) condannato a morte dalla sua deprimente rappresentanza (rappresentanza?) politica e dai suoi potentati.
    Ecco perché non voglio che questo mio Paese vada, come Lei pensa, «rianimato», ma lasciato libero di vivere e di respirare il respiro della libertà.
    Creda a me, che non sono ancora così «invecchiata», nonostante la vita d’inferno che mi è stata imposta negli ultimi quindici anni senza che potessi difendermene, in un’Italia molto diversa da quella in cui – evidentemente – ha vissuto Lei: un Paese vivo non ha alcun bisogno di «attaccarsi» al suo glorioso Passato di Sapere e Bellezza.
    «Attaccarsi» evoca l’atto di nutrimento del parassita. A me piace di più il verbo «alimentarsi». Ecco perché credo che l’Italia, per essere viva e non limitarsi solo a sembrarlo, abbia bisogno di «alimentarsi» dell’energia e della forza di chi – a dispetto di chi lo ha governato e lo governa facendo di tutto per disperdere ogni Passato, ogni autentica «identità e ogni fiducia» – il Sapere e la Bellezza ha continuato a coltivarli ogni giorno, guardando, oltre che al Passato, al Futuro.
    Credo che per tornare ad essere un Paese che respira e «sa trovare le parole, le immagini e le idee giuste», l’Italia abbia bisogno di realizzare quel sempre rinviato ricambio generazionale indotto dal merito e non dalle sostituzioni strategiche impartite dall’alto, di cui da troppi anni si blatera e che le scelte della destra al governo, in curioso contrasto ai proclami, definitivamente accantonano.
    Credo che per poter degnamente tornare a parlare di passato, di bellezza e di sapere l’Italia non abbia bisogno di proclami, ma di ascoltare la voce (senza propensione alle maiuscole) di coloro che hanno continuato a coltivare il passato, la bellezza e il sapere a dispetto del dissennato massacro esercitato ai loro danni e ai danni del Passato, della Bellezza e del Sapere ad opera di Ministri dell’Università e della Ricerca e dell’Istruzione che pensano (?) al sapere come a un prodotto seriale d’industria e ad una merce da svendere al migliore offerente.
    Io – non so Lei – credo solo in coloro che non si sono arresi mai: a dispetto di tutto e a dispetto di tutti. E che lo hanno fatto con impegno e con sacrificio. Senza nessuna «inerzia», dunque, e senza alcun bisogno, ora, di aggrapparsi ad alcuna «retorica», che non solo, come Lei scrive, è «intollerabile», ma della quale – lingua da sempre di tutti i colpevoli – ora più di ieri non sappiamo proprio che fare.

    Delia Garofano

  8. rdp Says:

    Cara Delia,
    grazie.
    Rossana Di Poce archeologa precaria parasubordinata dell’Università

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: