Cucurucucù… diploma

Secondo i dati ufficiali (frutto di un’idagine congiunta fra Ministero del lavoro, Unioncamere, Almalaurea e Almadiploma) il diploma è il titolo di studio oggi, in Italia, vincente, per entrare nel mondo del lavoro. Non c’è troppa domanda di laureati, da parte del sistema economico, mentre ce n’è per chi è solo diplomato e – soprattutto – non pretende un salario adeguato. Infatti sempre gli stessi dati parlano, per i neoassunti diplomati, di un reddito medio mensile (a seconda del tipo di scuola) fra i 600 e gli 800 euro (contro i 1.042 degli analoghi laureati).

La scuola rimane dunque l’elemento centrale della formazione verso l’ingresso nel mondo lavorativo. E’ perciò da segnalare un’interessante disamina, pubblicata qualche giorno fa dal Messaggero, del funzionamento della scuola in alcuni paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna, Spagna, Germania e Francia. Allo stesso tempo è partita una grande indagine internazionale della commissione europea sulle “scuole per il XXI secolo”. E l’Italia? Proprio in questi giorni alcuni studenti italiani hanno presentato un software anti-bullismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: