15 giugno, Usi/RdB in piazza

Si avvicina la discussione sul DPEF (il documento di programmazione economica e finanziaria) e i sindacati cominciano a organizzare le mobilitazioni. Usi/RdB, il sindacato di base della ricerca, ha comunicato oggi l’indizione di un sit-in sotto il ministero dell’università e della ricerca, a Piazzale Kennedy, per il 15 giugno. Di seguito il comunicato.

Comunicato Stampa

Usi/RdB Ricerca – Sindacato Nazionale Lavoratori della Ricerca dell’Unione Sindacale Italiana affiliato alle Rappresentanze Sindacali di Base

LA RICERCA PUBBLICA DEVE PROSPERARE NON SOPPRAVVIVERE!

I LAVORATORI PRECARI E STABILI DELLA RICERCA MANIFESTERANNO IL 15 GIUGNO DAVANTI AL MINISTERO DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA.

La ricerca pubblica in Italia è rassegnata a sopravvivere. Mentre in convitti e convegni si discute di produzione (come se si fosse in un’industria metalmeccanica) e di “prospettive” la realtà vissuta dai lavoratori della ricerca è ben diversa. Pochi fondi, molto precariato, invecchiamento degli organici e numerosissimi sottoinquadrati, salari ben sotto ai corrispettivi europei e carriere immobili. Questo è quello che si vive. Cambiano i governi e la musica non cambia. Strizzare gli enti di ricerca e regalare alla falsa ricerca dell’impresa, permettendo di spendere soldi al privato che vanno in marketing e non in sviluppo ed innovazione.

L’USI-RdB Ricerca continua con i lavoratori la lotta per riportare al centro dell’agenda governativa (e non solo della propaganda elettorale) la ricerca pubblica italiana. Il DEPF per la prima volta da decenni deve prevedere fondi strutturali veri e non tagli, le piante organiche vanno ridimensionate in aumento e portate ai livelli dei paesi civili (ossia 3 volte in più di quelle degli enti di ricerca italiana), l’ordinamento va adeguato, per permettere a tutte le categorie di riconoscersi nel lavoro importante che gli EPR sono chiamati a svolgere. I precari che da anni svolgono attività negli enti vanno “sanati” e non “reclutati” come se non avessero già svolto un ruolo determinante (e a bassissimo costo ) per la ricerca.

IL PERSONALE DELLA RICERCA, PRECARIO E A TEMPO INDETERMINATO E’ STANCO DI FARE MISSIONE DI UN SETTORE TRAINANTE PER LO SVILUPPO DEL PAESE!

Non è più sostenibile che la ricerca pubblica sopravviva di elemosina e la pseudo-ricerca privata sia sovvenzionata con i soldi dei cittadini, ma con i vantaggi per i “confindustriali”. Per dire basta a questo stato di cose non abbiamo che la lotta, per costruire una legge finanziaria a favore dell’Italia e della Cosa Pubblica. Anche attraverso la ricerca pubblica e suoi lavoratori. L’USI-RDB Ricerca non attenderà che l’ennesimo governo metta da parte la ricerca ed, insieme all’Università, manifesterà Venerdi 15 giugno 2007 a piazzale Kennedy davanti al Ministero dell’Università e Ricerca a Roma.

CAMBIAMO IL DESTINO DI UN SETTORE CHE VOGLIONO FAR MORIRE!

CAMBIAMO IL NOSTRO DESTINO!

PER UNA RICERCA VERAMENTE PUBBLICA!

Roma, 8 giugno 2007

USI-RdB RICERCA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: