Un precario, un voto

s-omov.jpgLe elezioni per le Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) rappresentano il cuore della democrazia sindacale nei luoghi di lavoro, in Italia.

Tra l’altro, insieme al numero di tessere, il numero di voti conquistati da ciascun sindacato ne determina la rappresentatività, ovvero la possibilità di trattare con la controparte, il diritto ad avere permessi, convocare assemblee e scioperi.

Negli enti pubblici di ricerca e nelle università le RSU si sono svolte l’ultima volta a fine 2004. Potevano votare (ed essere votati) solo dipendenti “a tempo indeterminato”.

Nella ricerca pubblica, nel suo complesso, i precari sono circa 70mila, più o meno quanti gli “strutturati”. In alcuni enti sono molto più della metà del personale: come all’Isfol, dove più di 9 dipendenti su 10 hanno contratti atipici.

Allora, nel 2004, in alcuni luoghi, come l’Istat e l’Università Statale di Milano, si svolsero elezioni RSU parallele, in cui i precari hanno votato i loro rappresentanti.

Tre anni dopo, si cominciano a preparare le elezioni del 2007 (ma forse slitteranno al 2008?).

Usi/RdB ricerca ha chiesto di dare elettorato (attivo e passivo) ai precari. In vista anche di queste “future” stabilizzazioni, che senso ha tenere fuori dalle elezioni i lavoratori precari? Ricordiamo che in altri comparti (la scuola e l’Alta formazione musicale – AFAM) i precari già hanno votato per le ultime RSU.

Vedremo chi, come e quando si opporrà al principio base della democrazia: un uomo, un voto.

Dal Foglietto di Usi/RdB del 22 maggio 2007 Con una lettera inviata al ministro della funzione pubblica e al presidente dell’Aran, le RdB-Cub hanno chiesto che alle prossime elezioni per il rinnovo delle Rsu, previste per novembre, il diritto di voto venga esteso a tutto il personale precario e non solo a quello destinato alla stabilizzazione per effetto della legge finanziaria. Si tratta di una importante iniziativa contro la precarietà.

Annunci

Una Risposta to “Un precario, un voto”

  1. Precari: il voto che manca « Says:

    […] delle RSU (Rappresentanze sindacali unitarie) negli enti di ricerca e nell università. Dopo la lettera di RdB/CUB, che ha chiesto diritto di voto (attivo e passivo) anche per i precari, è arrivato un richiamo in […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: