L’università imprevidente

La previdenza è un argomento scottante. Si parla spesso di pensioni. Si sono fatte riforme del TFR e cambiamenti di sistema: tutte con lo scopo dichiarato di “salvare le pensioni dei giovani” e con il risultato chiarissimo di succhiare le pensioni dei giovani.

Tra le altre cose, per gli “atipici” spesso i datori di lavoro (anche e anzi più volentieri se enti pubblici) si “dimenticano” di versare i contributi. E se li tengono per loro.

E’ quello che accade ai dottorandi, come mostrato ieri in un servizio delle “Iene”.

E il bello è che si tratta proprio di quei contributi che fanno diminuire, da quest’anno, lo stipendio netto del dottorato di 15-17 euro.

Grazie alle “Iene” oggi la Flc Cgil ha lanciato una campagna nazionale per il corretto versamento dei contributi da parte delle università. Non è mai troppo tardi.

Del resto, anche in Francia, pare che i dottorandi non se la passino proprio bene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: