Ricercatori in Italia: pochi ma buoni

E’ uscito l’annuario di Observa, associazione che si occupa di “scienza e società”. L’annuario analizza dati da diverse fonti.

Quello che ne risulta è che l’Italia è all’ultimo posto in Europa per numero di ricercatori.

Altri dati riguardano la produttività, che vede i ricercatori italiani piazzati molto meglio di altri paesi. Sono al secondo posto, dietro solo agli svizzeri.

I ricercatori all’estero sono pari al 7,3%, che è leggermente sotto la media OCSE.

La spesa in ricerca e sviluppo in Italia è pari all’1,1% del PIL (escludendo le spese militari). La media OCSE è del 2,3%. Sotto all’Italia ci sono Ungheria, Portogallo, Grecia, Polonia e Repubblica Slovacca.

E’ possibile scaricare un’anteprima dell’annuario dal sito.

Annunci

Una Risposta to “Ricercatori in Italia: pochi ma buoni”

  1. http://rivoluzioneitalia.blogspot.com/ Says:

    Quello della produttività è una balla galattica…
    comprende journal e conference di serie B anzi direi C…
    La ricerca al fatta un tanto al chilo è solo quella italiana…
    nn conta il numero dei paper (riguardarsi perotti-ichino
    http://www2.dse.unibo.it/ichino/gipp_declino_18.pdf )
    con questa bufala ci sono campati sia la moratti che pistella…
    i classici politiconi che sono convinti di dirigere la ricerca
    in italia a suon di leva fiscale. Ridicoli…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: